Musica da camera - Istituto superiore di Studi Musicali A. Toscanini di Ribera

Vai ai contenuti




Logout
VUOI SAPERNE DI PIÙ SULL'AFAM?
Vedi Spot Ministero dell' Istruzione Università e Ricerca

Musica da camera

Didattica > Corsi > Corsi di Vecchio ordinamento > Corsi complementari > Musica da camera

Il Corso complementare di Musica da camera è  obbligatorio per gli studenti dei periodi medio e superiore delle varie  Scuole nonché per gli studenti del periodo inferiore ammessi in deroga  ai limiti d’età per accertate doti eccezionali (Delibere Collegio dei  Professori nn. 32/06 e 38/08).
Non prevede esame di Licenza ma il rilascio di  certificazione di frequenza e la verifica dell’idoneità di competenze  acquisite in sede di Esami di Conferma e Promozione.
Esso concerne, oltre che l’approfondimento tecnico ed interpretativo di  brani cameristici sia strumentali che vocali, anche l’acquisizione di  una coscienza musicale del “suonare insieme” in formazioni che vanno dal  duo all’ ensemble da Camera. Vengono approfondite prassi esecutive e repertori delle vari epoche fino al periodo contemporaneo, mediante  esercitazioni pratiche effettuate dai vari gruppi strumentali,  costituiti secondo i diversi livelli di studio, e tramite ascolti e  letture di testi specifici. Il Settore comprende anche l’apprendimento  di metodologie per l’acquisizione di una più immediata capacità di  lettura estemporanea, l’acquisizione di competenze legate alle tecniche  di intonazione  ed allo sviluppo di una più ampia visione interpretativa  delle opere trattate.
                       
          
          
                     

            
                       
          
Copyright © 2008 - 2020 Tutti i diritti riservati
Istituto Superiore di Studi Musicali Arturo Toscanini
Corso Umberto I, 359
92016 - Ribera (AG)
telefono 0925 61280
P.I. 02834540847
C.F. 92007100842
IBAN: IT54G0103083090000004135734 intestato a Istituto Superiore di Studi Musicali "Toscanini"
- Ultimo aggiornamento 25/10/2020
Privacy Policy
designed and developed by Gianfranco Gioia
Torna ai contenuti